Il marketing olfattivo consiste nell’u­so strategico di una fragranza in specifici punti di contatto con i consumatori.

A chi non è capitato di percepire un odore ed avere l’immediata sensazione di essere catapultati a un momento, a una situazione del passato?

Il profumo è in grado di sprigionare ricordi ed emozioni, andando a stimolare sensazioni pro­fonde. Una caratteristica che non poteva non pas­sare inosservata nel mondo del promozionale,

Suscitare emozioni facendo leva sui sensi è infatti il principale obiettivo del marketing sensoriale, di cui fa parte quello concentrato nello specifico sull’olfatto.

Concentrandosi sugli stimoli sensoriali che agi­scono sulle percezioni del consumatore, questo tipo di strategia è in grado di influenzare le emo­zioni del consumatore, ma anche di guidarne il comportamento di acquisto con un particolare vantaggio rispetto ad altre strategie: chi percepi­sce la fragranza risulta più propenso a farsi guida­re e mostra meno reticenza rispetto alle classiche pubblicità.

Una buona fragranza genera da subito piacere e conferisce una forte identità al brand che verrà ricordato ogni volta che il consumatore percepirà un profumo uguale o simile.

Ad elaborare gli odori percepiti è infatti il bulbo olfattivo, una struttura encefalica che si trova accanto all’amigdala e all’ippocampo: le parti del cervello responsabili dell’elaborazione delle emo­zioni e dei ricordi associati ad esse.

Omaggi profumati per prolungare il ricordo del tuo brand

Utilizzare prodotti profumati significa pertanto imprimere, tramite gli odori, un ricordo positivo del brand.

Candele, diffusori per ambiente, deodoranti per auto, carta profumata per armadi e cassetti, o per realizzare fantasiose confezioni regalo: sono tutti gadget ideali per appagare in modo quasi totalizzante chi li riceverà.

Oltre ad essere utili, sono belli e anche piacevo­li, quindi perfetti per essere usati e associati a un qualcosa da ricordare: il profumo del vostro brand!

Ad ogni identità la sua fragranza

Attenzione però alla scelta delle fra­granze. Ogni odore è infatti in grado di stimolare reazioni e sensazioni differenti.

La lavanda, il basilico e gli agrumi sono per esempio fragranze rilassan­ti; mentre il timo e la menta piperita sono stimolanti. La rosa evoca posi­tività e felicità. A suscitare sentimenti romantici sono invece il cioccolato, il cardamomo e lo zenzero.

Una buona fragranza genera da subito piacere e conferisce una forte identità al brand che verrà ricordato ogni volta che il consumatore percepirà un profumo uguale o simile.